Finirai per trovarla la via, se prima hai il coraggio di perderti... T. Terzani

Il deserto a 2000 metri.

Il sole splende alto, ma è freddo una volta fuori dalle coperte.

I residenti nella Gher escono fuori vestiti all’occidentale, e sul loro fuoristrada Toyota prendono la via del centro, mentre il ragazzetto rimane a casa.

Gli regalo qualche adesivo e chiedo una foto. Come un soldatino si mette in posa, come d’altronde fanno tutti i mongoli quando punti la macchina verso di loro.

DSC01148DSC01153 DSC01149

“Good boy!” mi fa, mentre vado via.

DSC01152

Oggi sarà una giornata dura, tutto deserto, piatto e senza variazione di paesaggio, ma non lo sappiamo, così partiamo con grandi aspettative.

DSC01154

Lo spettacolo è desolante.

Guidare qui è stancante e poco stimolante, a volte.

DSC01159 DSC01162

La polvere è ormai già ovunque, non ci faccio più caso, mi abituo a questo pensando che fa più “wild”.

DSC01164

Ogni tanto si trovano dei piccoli (1-2m di diametro) “santuari” dove vengono lasciate offerte buddiste di cibo e chincaglierie varie.

Spesso l’odore qui è forte, il cibo si decompone e puzza.

DSC01172

La strada non è semplice, in più l’aria secca e la polvere ci mettono del suo per aumentare la difficoltà.

La gola è secca, il naso si riempe di pulviscolo e la mucosa lacrima sangue.

Le labbra si spaccano, le mani rattrappiscono dentro i guanti.

Terribile.

Questo cammello deve essere deceduto proprio in seguito a tale secchezza.

DSC01173 DSC01177

Dopo circa 350km di nulla più assoluto decidiamo di fermarci.

Damiano ha avuto nuovamente problemi con la borsa e ci fermiamo per ripararla vicino ad una gher in mezzo alla valle.

DSC01182

Dormiamo praticamente in mezzo a m***a di pecora e sabbia.

Probabilmente qualcosa di questi elementi è pure finito nella gavetta mentre cucinavamo.

Per i prossimi 10 anni non ci ammaleremo, presumo.

Ci godiamo l’ultima luce e dopo una cena a base di minestra liofilizzata (buonissima stasera) ci corichiamo. Metto i tappi, i miei vicini di tenda spesso sono rumorosi…eh eh..

DSC01184

La mattina trovo una sorpresa accanto alla tenda. Al palo è legata una pecora.

Riesco già ad immaginare la sua fine.

Smonto tutto sperando che non mi punti per darmi una capocciata.

DSC01185

Proseguiamo delusi dal percorso del giorno precedente, pensando che anche oggi sarà lo stesso.

Non è così!

Per la prima volte vediamo un animale che solitamente si può osservare solo allo zoo…ha due gobbe, vedo bene?

Si, è proprio un cammello, anzi, sono tanti cammelli, una specie di mandria!

DSC01188

Anche loro pascolano liberamente, ma sono controllati, hanno tutti un fiocco all’orecchio.

DSC01189 DSC01191

Di tanto in tanto si trovano degli aggregati che fanno da crocevia tra una strada e l’altra.

E qui si trovano caratteristici personaggi.

DSC01194

Qua è fantastico. Adoro il silenzio della Mongolia.

E’ una sensazione di pace mai provata prima.

DSC01198

Ci fermiamo in uno spiazzo per mangiare, dopo aver fatto spesa ad Altaj.

Sento un odore particolare, diciamo così.

Accanto a dove mangiamo sorge una sorta di ricovero per animali, ma mi avvicino e in terra vedo tante zolle, come avessero arato all’interno.

No, non sono zolle di terra.

DSC01207 DSC01208

E’ merda.

Qui la seccano per poi bruciarla.

In Mongolia non esistono alberi, per via del deserto e per via del forte vento, perciò si affidano a qualsiasi fonte combustibile si possa trovare.

Persino plastica, polistirolo…diossina pura.

Trovarsi vicino al camino di una gher è un’esperienza da evitare assolutamente, terribile!DSC01210

Qui oltre ai combustibili fantasiosi si inventano anche murature fantasiose.

Ecco che si può osservare l’opus bottigliatum.

DSC01211 DSC01213

Di nuovo cammelli. Quasi ci si fa l’abitudine.

DSC01217

Lungo la strada le motorette sfrecciano e si sbracciano per salutare.

Addirittura si fermano se tu ti fermi e ti si avvicinano curiosi.

DSC01222

Quando la giornata sembra andare per il meglio, ecco che accade il fattaccio.

Disfatta.

Damiano in mattinata era caduto di nuovo, con ulteriori danni alla moto. Anche la borsa destra era andata, ma sembrava potesse proseguire.

No.

La pista ha deciso per lui che non poteva proseguire.

Dopo aver più volte perso la borsa, che non stava più in sede, l’amarissima decisione.

Continuare così avrebbe significato prendersi troppi rischi e rallentare il gruppo a tempo indefinito.

DSC01225

L’immagine è emblematica.

Il sacco impermeabile ha già preso il suo posto sulla moto, con all’interno tutto il contenuto delle borse rigide.

Addio.

DSC01226

Facciamo gli ultimi 80km verso il prossimo paese.

DSC01232

Appena arrivati siamo l’attrazione per chiunque, come sempre.

DSC01233 DSC01234 DSC01235

Chiediamo dove dormire.

Una chiamata, niente inglese, ma bastano pochi gesti per capire che qualcuno sta arrivando.

E’ una famiglia mongola; ci guidano verso la loro abitazione, dormiremo nella gher accanto al loro manufatto in legno.

E’ la nostra prima notte in gher, siamo eccitati, e dopo aver tirato un po’ sul prezzo otteniamo di dormire e mangiare per 10.000 Tugrit, 4€ per l’esattezza.

DSC01239DSC01236

DSC01243

La signora ci porta un pasto “pulito” e gustosissimo.

Riso con ketchup, carne di pecora a verdure al forno, davvero squisito.

E l’immancabile chay.

DSC01242DSC01245DSC01244DSC01246

Tutto ottimo…Morfeo ci coglie d’improvviso, e così cadiamo beati in un sonno profondo, dopo giornate intense come quelle passate nel deserto mongolo non è facile rimanere attivi oltre le 22.

La mattina il cielo è terso e siamo tutti di buonumore.

DSC01247

Ogni tanto, nel mezzo del nulla si trovano dei piccoli aggregati più o meno turistici dove delle gher preparano piatti caldi ed offrono posti letto, spesso c’è anche un market nei pressi.

Come ci fermiamo, dalle tipiche tende nomadiche mongole si allungano all’infuori tante facce di bambini e non, che poi prendono coraggio e si avvicinano.

DSC01251 DSC01253

Alcuni sono inizialmente timorosi, ma poi quando li inviti a sedersi sui nostri bolidi non possono resistere.

DSC01254

Ed una manciata di adesivi è sempre sufficiente per farli contenti.

DSC01257

Ci fermiamo a pranzo. Sardine e pane.

Non ne possiamo più, questo è il nostro rancio di mezzogiorno, sardine sempre, o carne in scatola, quasi meglio la pecora.

Poco importa. Siamo fermi al centro di un piccolo parco pubblico in un paesello e ci stupiamo vedendo bambini che ancora giocano all’aperto rincorrendosi senza gli occhi puntati su un display.

E’ una gioia vederli, esprimono vita.

DSC01259 DSC01261 DSC01264 DSC01265

Le facce sono già più diverse, ci stiamo avvicinando al sud e quindi alla Cina.

Gli zigomi si appuntiscono e sporgono di più, il naso e la faccia si appiattiscono.

Ripartiamo. Cammelli, stavolta più in carne.

Non è raro vederne quasi senza gobbe, l’acqua non abbonda certo qui e loro ne risentono, così come i cavalli che a volte sono scheletrici.

DSC01266

La strada oggi si fa più verde e sembra una di quelle che possiamo osservare anche nelle nostre campagne, erba ai lati ed al centro.

DSC01267 DSC01269

Ancora animali, è sorprendente la facilità con cui incontriamo mandrie di cavalli o pecore, in grande numero, pascolare o stando semplicemente con le gambe a mollo nell’unica pozza nel raggio di km e km.

DSC01271 DSC01275 DSC01278 DSC01279

Bayankhongor. Prima di ogni città c’è sempre un tempio in alto su un colle da cui si osserva la valle.

DSC01283

Tornando alla moto continuo a notare il problema della Mongolia, persistente e drammatico a tratti.

La sporcizia è ovunque.

Nel deserto, perfino in mezzo al niente, si trovano bottiglie e confezioni in plastica.

Non c’è cultura del riciclo, la spazzatura è ammucchiata un po’ ovunque, a cielo aperto si aprono puzzolenti discariche.

DSC01294 DSC01297 DSC01299

La città sembra disordinata, a tratti vediamo nuove costruzioni in cemento, realizzate senza molta logica, con pilastri non allineati, senza ponteggi e con pessimo gusto estetico; dall’altra parte notiamo i quartieri più poveri con le gher recintate da staccionate in legno.

DSC01303 DSC01304

Non è raro osservare bambini vendere per strada.

DSC01318

Stasera ci vogliamo godere un po’ di buon cibo mongolo dopo le tante sardine.

Scegliamo un ristorante tra i meno sporchi, ordiniamo scegliendo tra i piatti che vediamo servire ad altri clienti e prendiamo così una minestra di carne di pecora, degli involtini fritti con carne di manzo ed un secondo di carne, riso e verdure.

DSC01319 DSC01322 DSC01323

Risiediamo per oggi in albergo.

Per ottenere una stanza abbiamo discusso quasi mezzora, non riusciamo a capire se i mongoli facciano finta di non capire o non vogliano proprio.

Quando chiediamo qualcosa cominciano a guardare nel vuoto, parlano tra di sé e poi ci ignorano, come se non avessimo chiesto niente.

Alla fine riusciamo ad ottenere di dormire in una stanza quadrupla per poco più di 4€ per uno, con doccia calda.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Latest posts

Cittadino giapponese starter kit

Benvenuti in Giappone! Quello vero, non quello de

Corea – toccata e fuga

Corea. Corea? Già, che c'entra?! Partiamo dall'i

Il timido Monte Fuji

Hokkaido, fattoria di Saeki: arrivano molti avvent

Newsletter

Contact info

Per qualsiasi info, consiglio, proposta, o semplicemente per fare due chiacchiere, contattami!

e-mail: info@sognandoriente.it

Qui sotto trovi tutti i contatti

                 Freccia