Finirai per trovarla la via, se prima hai il coraggio di perderti... T. Terzani

Ad un passo da Tokyo!

Quanto tempo!

Ci siamo lasciati al ristorante di Shimura san, ero appena arrivato.

E adesso? Adesso sono ad un passo da Tokyo, è lì dietro l’angolo che sembra chiamarmi, ma ancora non è tempo.

Torniamo indietro di un poco.

Il ristorante italiano di Mrs Shimura si presenta bene, non in stile perfettamente italiano ma ci si avvicina, l’anziana (ma attivissima) 76enne ha una vera e propria passione per la cucina e per l’Italia.

DSC03358DSC03365

I prezzi non sono esageratamente alti, con circa 25€ si mangia un primo ed un secondo.

DSC03359

Shimura san è sola, e durante la settimana manda avanti il ristorante solo con le sue forze, mentre il fine settimana il figlio che abita a Kamakura (poco sotto Tokyo) accorre ad aiutarla.

Per ovviare ai momenti di solitudine c’è un bel gattone, Gine-chan, un cincillà.

DSC03366

Shimura san è molto attenta, e cerca di ricalcare al massimo le ricette italiane, preparando la mattina stessa quello che servirà a pranzo: ingredienti sempre freschi e genuini, quasi tutti provenienti dal suo orto!

DSC03473DSC03474DSC03475DSC03372DSC03374DSC03356

Il giorno per pranzo mi fa trovare in tavola questo bel piattone…e cosa potrei chiedere di più, ho divorato questi spaghetti al pomodoro chiudendo gli occhi ed immaginandomi in Italia…ahhh, il Bel Paese!

DSC03353

I clienti sono affezionati alla signora, ed ogni volta che Shimura san serve qualche pietanza le esclamazioni di stupore non finiscono mai: sugoi!!!

 

DSC03379

I giapponesi sono esaltati dall’Italia e dagli italiani, tant’è che quando un gruppo di commensali ha saputo della mia presenza al ristorante ha voluto vedermi in sala (ed io ero a lavorare nel campo, bello sudicio!); al mio ingresso non mi hanno fatto l’applauso ma ci sono andati vicini, me lo hanno fatto poi quando ho provato a dire un paio di parole in giapponese.

Infine, quando ho detto che venivo da Firenze stavano per svenire e il “sugoi” pronunciato da ognuno di loro all’unisono sembrava non finire mai.

Mi sono gasato.

Il giovedì, come promesso, siamo andati ad Aizu Wakamatsu, approfittando dell’uscita per andare a fare la spesa per il ristorante.

Per la strada si incontrano tantissimi campi di riso.

DSC03388DSC03389

Shimura san guida la sua Volkswagen New Beetle con guida a sinistra (si, la guida a destra non le piace!) fin sotto lo Tsuruga-jo.

DSC03392

Lo Tsuruga-jo è il castello di Wakamatsu, la principale attrazione della città, e si trova all’interno di un’isoletta fortificata circondata da un fossato.

DSC03394

Ecco che la sua sagoma compare stagliandosi tra le fronde degli alberi che gli fanno da contorno.

DSC03395DSC03398DSC03399

Wakamatsu è una città samurai, e così Shimura san insiste per farmi fare una foto insieme ai finti samurai che campeggiano sotto al castello…insomma, un po’ come farsi la foto coi centurioni romani al Colosseo, solo che qui non si paga!

DSC03403

Il castello è stato completamente ricostruito, da 0, sulla base della foto di un francese che era riuscito a cogliere lo stato del castello poco prima della sua demolizione, negli anni ’20 se non sbaglio.

La sua forma attuale si deve ad un progetto del ‘500.

Dall’alto si può ammirare il panorama retrostante la città. La natura abbonda sempre, appena fuori dai limiti cittadini.

DSC03404DSC03405

Il parco sottostante è carinissimo e tenuto perfettamente, anche qui gli operai sono di continuo al lavoro, senza sosta, per mantenerlo splendente.

DSC03413DSC03420DSC03427DSC03431

Molte gite sono presenti in visita al castello (a dire il vero ho visto tante gite ovunque, in Giappone, sembra che gli studenti possano godere della loro vita scolastica) ed è sempre curioso osservare come tutti siano vestiti alla stessa maniera, in uniforme, senz’altro sono disciplinatissimi!

DSC03432DSC03433

Salutiamo il castello.

E’ ora di pranzo.

DSC03436

Shimura san propone un ramen, io preferisco il katsudon, Tonkatsu posato su una ciotola di riso…godurioso…assaggio anche l’aizu ramen ordinato da Shimura san.

DSC03439Sto per scoppiare!

DSC03441

Torniamo al ristorante. E’ curioso come la signora Shimura usi dei guanti in pelle rossa per guidare, mi ricorda certi autisti di limousine!

DSC03444

Fino ad adesso mi sono “riposato”, pur svolgendo qualche piccola mansione, adesso è l’ora di ripagare per bene l’accoglienza della signora, che non si vergogna certo a chiedermi di tagliare la legna…ne avrò spaccato qualche quintale!

DSC03445DSC03448

Al termine del lavoro pomeridiano, Shimura san mi rende i panni lavati in lavatrice e…porca miseria, mi ero dimenticato dentro la busta con i dollari!!! Adesso dovrò asciugarli tutti per bene!

DSC03451

Venerdì – arriva anche suo figlio Ko, lo specialista della pizza e del pane, che purtroppo non ho avuto modo di assaggiare: sarà per la prossima volta!.

DSC03454

A cena si mangia sempre giapponese: Karee raisu (riso al curry), ottimo!!!

DSC03458

La mattina del sabato è l’ultima per le caprette qui al ristorante, oggi se ne vanno a Koriyama (anche mia prossima destinazione) per trascorrere un inverno meno rigido (qui siamo a circa 900m e fa fresco già ora).

Domani sarà anche il mio ultimo giorno, la signora Shimura si sentirà più sola tutto insieme!

DSC03460DSC03462

Vicino alla capanna dove stanno le caprette c’è un albero con dei frutti che sembrano ciliegie, ma mi avvicinano e questi sono fatti di tante forme poligonali: mi ricordano certi frutti che da piccolo potevo trovare all’interno del giochino dei pokemon, credevo fossero inventati e invece…!!!

DSC03464

AROMA TERASU ovvero Aroma Terrace, un angolo di Toscana, e di Italia, nel cuore del Giappone.

DSC03468DSC03476DSC03477

Dopo una settimana passata velocissimamente è già l’ora di salutare Shimura san e suo figlio: lei insiste perché torni, io scherzando le dico che in effetti c’è ancora da finire di tagliare la legna e lei scoppia a ridere annuendo!

DSC03478

Poco sotto il ristorante si trova il lago Hibara.

DSC03479DSC03481

Un bello scorcio sul monte Bandai, dalla doppia vetta.

DSC03483DSC03485DSC03488DSC03489

Pochi km oggi, circa 80; il GPS comincia a dare problemi, sceglie sempre strade lunghissime facendomi fare anche il 30% di km in più, non capisco perché, e così devo optare spesso per una navigazione a vista, nonostante questo sono finito in mezzo ai campi per arrivare dalla signora Watanabe, che mi accoglie calorosamente a Koriyama.

DSC03493

La prima sera andiamo al “World buffet” dove si mangiano cibi da tutto il mondo, all you can eat in 90 minuti al massimo: non ho foto, meglio così, perché non potete immaginare quanto abbiamo mangiato tra tutti!!!

Il giorno seguente è festa in Giappone, ed approfittiamo per fare una gita di “famiglia” verso la montagna, dove si trova un buon ristorantino che fa ricette a base di funghi e una spa (onsen) con acqua sulfurea molto benefica per la pelle.

DSC03496

Chizuru ci guida verso la periferia, anche lei indossa guanti in auto!

 

Guida bene, Watanabe san poi mi spiega che lavora nella ditta del padre Yuichi san come guidatrice di camion…apperò!!

DSC03498DSC03501

Fuori dal ristorante compriamo un po’ di frutta, poi la signora Watanabe mi propone questa scatola…non capisco bene, poi aguzzo la vista e…riuscite a capire cosa sono??

Non vi sbagliate se pensate che siano cavallette (o grilli, chissà) e sono pure caramellate; a Chizuru non piacciono, troppo dolci, ed anche io decido di rimandare questo momento di follia gastronomica posando la scatola sul banco.

DSC03504

Vicino all’onsen c’è un bel giardinetto, ovunque sono ben curati e gli alberi hanno sempre una forma che sceglie il suo giardiniere, sembrano bonsai giganti.

DSC03509DSC03510

La sera torniamo in città, nel centro di Koriyama, pieno di luci e molto suggestivo.

DSC03511

Ristorantini minuscoli si affacciano sulla strada.

DSC03512

 

Noi andiamo al Mikado, ristorante cino-giapponese, e condividiamo una gustosa cena a base di yaki soba, gamberi in salsa, katsu raisu..

DSC03513DSC03514

Colazione! Ricchissima colazione, come sempre qua in Giappone, sembra che la mattina si consumi il pasto principale qua.

DSC03519

Adesso devo salutare una delle signore più calorose e simpatiche che abbia conosciuto in Giappone, ogni parola era una battuta su cui ridere, pur non capendo un accidente di giapponese il suo temperamento mi ha sempre messo di buonumore: grazie Watanabe san!

E grazie anche ad Akiko, sua amica che ha voluto regalarmi delle barrette-snack e la foto che ci siamo fatti insieme il giorno prima a casa sua.

DSC03517

 

Questa era la mia stanzetta su tatami.

DSC03521

I tre cagnolini che ci hanno tenuto compagnia per questi giorni.

DSC03523

E il box attrezzi a cui ho riparato la serratura e poi riverniciato come segno di riconoscimento verso tanta accoglienza per la signora Watanabe!

DSC03531

Prima di andare via, Chizuru apre il suo box e…sorpresa!

Dentro ci sono tre moto, di cui due sopra i 1000cc, la sua preferita è la Yamaha XJR 1300cc viola sulla destra…wow, che grande!!

DSC03525DSC03527DSC03529

 

Mi regala anche una foto accanto al suo gioiello, spettacolare, lei sembra uscita da un cartone giapponese!

DSC03600

Quasi tutti i giapponesi che ho conosciuto mi hanno regalato delle foto stampate, molto apprezzabile! Ho scoperto poi che le foto si stampano in modo semplicissimo al 7-11 e per pochi cent, così anche io ho stampato alcune foto e le ho spedite per posta alla signora Watanabe.

DSC03528DSC03530

A presto Watanabe san!

Oggi mi aspettano poco più di 250km, con tappa intermedia ad Hitachi, al Seaside Park, bellissimo in certe stagioni, un po’ meno adesso che non ci sono fioriture e manca ancora qualche giorno alla stagione del rosso autunnale, peccato!

Ci tornerò magari..

DSC03533DSC03534DSC03536

Questa è la famosa collina che in primavera si tinge di azzurro.

DSC03555

Da un poster scopro che proprio tra qualche giorno, verso i primi di ottobre, questo sarà l’aspetto della collina.

DSC03541

 

Cavoli, che sfortuna! Ho provato a rielaborare su photoshop la prima foto, e se il poster non è troppo artefatto la collina dovrebbe presentarsi così.

DSC03561b

Beh, spero di poter ammirare comunque questi colori in qualche parco di Tokyo.

Intanto mi godo la fine della camminata, notando come il parco sia ben tenuto e perfettamente adeguato ad una gita di un giorno intero.

DSC03542DSC03543

Adesso, una carrellata di foto del parco.

DSC03545DSC03550DSC03551DSC03552DSC03556DSC03557DSC03558DSC03564DSC03562

All’interno si possono anche osservare due case in stile tradizionale, con ogni spiegazione di sorta per quanto riguarda materiali, tecnica costruttiva etc. etc.

DSC03567

Infine, in tarda serata, dopo aver preso tanta acqua (il braccio di un tifone è proprio adesso di passaggio nell’Honshu) arrivo a Joso, ad un passo da Tokyo, presso la base delle danzatrici giapponesi Manjushaka, e mi fanno trovare in tavola questo ben di dio!

DSC03572DSC03574

La mia stanza: niente male!

DSC03575DSC03576DSC03577

 

Anche l’esterno non è poi così brutto, che dite?

DSC03593

10 donne vivono qui, un grande gruppo che mettendo insieme le proprie forze riesce a fare grandi cose!

Il fine delle Manjushaka è quello di portare un sorriso là dove le condizioni economiche, sociali e politiche non sono le migliori, tutto questo per beneficenza.

DSC03587DSC03588DSC03590

Anche qui per guadagnarmi pasti e posto letto ho lavorato un po’, ma stavolta sono salito di livello, da oggi posso usare anche la motosega!!!

DSC03602

Beh dai, ne vale la pena quando si mangia così bene!

DSC03592DSC03594DSC03595

Ci vediamo…alla YAMAHA!!!

Lunedì 29 settembre sarò ospite d’onore alla Yamaha ad Iwata, con ricevimento ufficiale, sessione fotografica, visita al museo, pranzo…sono emozionato!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Latest posts

Cittadino giapponese starter kit

Benvenuti in Giappone! Quello vero, non quello de

Corea – toccata e fuga

Corea. Corea? Già, che c'entra?! Partiamo dall'i

Il timido Monte Fuji

Hokkaido, fattoria di Saeki: arrivano molti avvent

Newsletter

Contact info

Per qualsiasi info, consiglio, proposta, o semplicemente per fare due chiacchiere, contattami!

e-mail: info@sognandoriente.it

Qui sotto trovi tutti i contatti

                 Freccia