Finirai per trovarla la via, se prima hai il coraggio di perderti... T. Terzani

I primi passi nell'Honshu

Honshu!

Dopo 3h e 40 (e non 3h39, né 3h41) la nave arriva ad Aomori…precisa come i trasporti pubblici italiani.

Beh, no..un po’ più precisa.

La strada non è scorrevole come nell’Hokkaido e me ne accorgo subito: la densità dell’abitato è maggiore, le città hanno semafori a non finire.

E le auto rispettano tutti i benedetti limiti/divieti stradali!

Si, proprio così, nessuno sfora i 40kmh in città ed i 50/60kmh in extraurbano.

In questo modo diventa difficile per me rispettare le tempistiche fornite ai miei amici giapponesi, così quando c’è un po’ di strada libera cerco di forzare, spesso è divertente guidare tra le curve delle strade di campagna, l’asfalto è sempre pulito e molto sicuro in termini di grip.

Ogni tanto poi si trovano posticini come questo, Onsen tradizionali e laghetti di acque sorgive calde e sulfuree.

DSC02976 DSC02977 DSC02978 DSC02980

Dopo circa 3h e mezzo di guida arrivo a Morioka, città del wanko soba e del reimen.

Suzuki san sente il rumore della moto e si affaccia, un po’ preoccupata perché in ritardo di circa mezz’ora.

Il suo benvenuto non si fa attendere, in casa mi aspetta una cameretta in stile occidentale, un bagno caldo, ed appena fuori dall’”ofuro” ecco che la cena è pronta: tonkatsu! Cotoletta di maiale con cavolo, pomodoro, salsa tonkatsu (la famosa salsa bulldog) e riso. Cosa potrei chiedere di più!?

 DSC02981

Spero di farmi una bella dormita adesso, ma la signora Suzuki programma la sveglia alle 6.30 per andare al mercato…uff, farò questo sforzo!

La mattina scopro con piacere che la levataccia è valsa la pena, perché al mercato si acquista frutta e verdura ad un prezzo molto basso rispetto al supermercato, forse 3-4 volte meno. La cattiva notizia è appunto che apre dalle 4 alle 7 di mattina!!!

Torniamo a casa e poco prima di pranzo sua sorella passa a prendermi con suo marito e Naruyoshi, un ospite speciale, viaggiatore anche lui, 23 anni da Osaka, in giro in bicicletta attraverso il Giappone…ai giapponesi piace viaggiare!

Andiamo verso l’Iwate yama (montagna), anche chiamato Iwate-san, come fosse una persona: i giapponesi chiamano le montagne con titoli di rispetto, ad esaltarne la sacralità.

A dire il vero non è proprio una montagna, ma un vulcano, che 400 anni fa eruttò una gran quantità di magma, che ancora oggi è visibile in una lingua di 1kmx3km.

DSC02984DSC02987 DSC02988 DSC02992 DSC02993

Qualche albero tenta la vita in mezzo al magma.

 DSC02999

Visitiamo il centro dell’artigianato di Morioka, e per pranzo, sorpresa, andiamo al ristorante di reimen dove noi stessi saremo i “cuochi”, preparando il reimen (ramen freddo, di provenienza coreana) con le nostre mani.

DSC03008

DSC03011

Questo dovrebbe essere l’aspetto finale: i giapponesi sono maestri nel realizzare versioni in resina del prodotto finale!

DSC03013

Pronti via si parte!

DSC03014

La “maestra”, molto puntigliosa..

DSC03015

Il taglio e la bollitura.

DSC03021 DSC03022 DSC03026

Lavaggio in acqua fredda.

DSC03028 DSC03030

Niente male alla fine, buono, anche se il cocomero…mah!!

DSC03031 DSC03033 DSC03034

E’ la volta del dessert, e ci dirigiamo verso un negozietto che produce all’istante dei nambu sembe, praticamente dei biscotti con all’interno noccioline.

DSC03035 DSC03036 DSC03039 DSC03041 DSC03042 DSC03043

 

Non resisto, ne voglio fare uno anche io!!

DSC03048DSC03045 DSC03050 DSC03051

Infine, il cimitero di Morioka, dove è seppellito attualmente il primo premier giapponese, eletto nel 1918.

DSC03058 DSC03059

La sera, sorpresa!

Tempura!!

La tipica frittura giapponese, preparata con pastella apposita oppure con farina e uova, impasto non ben mescolato (è una regola) e freddo.

Con tanto di patata dolce, zucca, zucchine, funghi, peperoncini e “ebi” (gamberi).

DSC03065 DSC03070 DSC03072 DSC03074

Itadakimasu! Buon appetito!

DSC03078

Non contenti, ci siamo fatti anche dei gyoza, ravioli di carne e verdure, con diverse salse, tra cui soia, aceto etc..

DSC03079

Ohayoo gozaimasu! Buongiorno!

Naruyoshi è di Osaka e fiero della cucina della sua città ci mostra come si cucinano gli okonomiyaki, una specie di frittata con cavolo e carne, oppure pesce.

Ottimi, li adoro! (anche se per colazione una bella fetta di pane e marmellata ancora mi manca!!!)

DSC03081 DSC03082 DSC03085 DSC03086

Siamo agli sgoccioli, il tempo con Masako è passato velocemente, si è presa cura di me come fossi suo nipote, la mia “zia” giapponese!

La sua casa è super accogliente e mi mancherà!

DSC03087 DSC03088 DSC03089 DSC03090 DSC03091 DSC03092 DSC03093

Ma prima c’è sempre tempo per scherzare e provare qualche strumento giapponese antico di cui non ricordo il nome. In una stanzetta con tatami dove solitamente Masako si reca per pregare per i suoi cari, offrendo anche del cibo come prevede il rituale buddista.

DSC03102

Colazione…toufu, maiale in salsa, riso, pesce in salsa d’aceto, zuppa di pesce, verdure sottaceto. Voglio il dolceeeeeeeeeee!!!

DSC03107

Grazie Suzuki san, grazie di tutto, è stato un piacere, e spero di rivederti presto!

Con dispiacere dopo qualche km mi ricordo di essermi dimenticato il bento con inarizushi e mochi che Masako mi aveva preparato..diamine, le uniche cose dolci mi sono perso!!!

Devo tornare a Morioka, un giorno, per riprendermi quel bento!

DSC03108

Un centinaio di km mi separa dalla costa.

Si trovano sempre più case tradizionali, o che ricalcano lo stile tradizionale.

GOPR1772

GOPR1771

Mi aspetto di vedere lande desolate e disfatte dallo tsunami, ed invece trovo un gran lavorìo di mezzi e persone, impianti di movimento terra giganteschi, barriere altissime a futura protezione da tsunami successivi.

DSC03111

Lungo la strada, un saliscendi continuo, si trovano cartelli che segnalano l’inizio e la fine della zona di allagamento dello tsunami.

GOPR1775

Nelle zone più alte si trovano spesso templi buddisti o shintoisti, delle vere chicche.

DSC03112 DSC03114DSC03115DSC03116

DSC03118

Mentre in pianura, ogni volta che riscendo, qualche edificio dilaniato è lì che mi ricorda ciò che successe 3 anni fa.

Sono edifici che saltano fuori dal nulla, in mezzo al verde selvaggio che si riprende ciò che era suo un tempo.

Panoramica_senza titolo1DSC03136

Lavori ovunque, un dispiegamento di bulldozer, escavatori, camion e uomini mai visto in vita mia.

E tanta, immensa determinazione.

I giapponesi sono un grande popolo.

DSC03144

Strade chiuse, troppo vicine alla costa, sono state rivoltate e risucchiate dalla dirompente forza dell’onda anomala.

DSC03125

E di nuovo case intonse nelle alture.

DSC03121 DSC03122

Colline spogliate dalla flora, per ricavare terra per terrapieni, materiale prezioso adesso.

DSC03128

Ancora strade interrotte, ponti crollati, grovigli di metallo che testimoniano la violenza estrema del mare.

DSC03130 DSC03131 DSC03133

Già, il mare, che adesso appare così calmo.

DSC03134 DSC03135

 

Faccio altri km, e noto le prime case temporanee, ovviamente in luoghi riparati e molto al di sopra del livello del mare.

Penso ai terremoti che hanno colpito anche l’Italia.

Ma il paragone è impossibile.

DSC03138

E’ sera oramai, sono vicino a Minamisoma, dopo aver allungato la strada di 50km per osservare meglio il disagio vissuto tre anni fa.

Il cielo è ancora capace di regalare qualcosa, dopo una giornata grigia, quasi ad evocare tristezza.

DSC03147 DSC03148 DSC03150

Sono ospite del tempio Ganokuji, da Hoshimi san, parente del bonzu di Hokkaido.

Il tempio è molto più antico, mi dice che ha 1200 anni, è impressionante però come sia ben mantenuto all’esterno, mentre all’interno è stato visibilmente rinnovato.

Mi aspetta di nuovo tatami e futon per la notte, bell’ambiente!

DSC03151 DSC03152 DSC03160 DSC03164

La tecnica costruttiva ricalca quella antica, la porta di accesso è recente ma ugualmente incredibilmente complessa ed interessante.

DSC03169 DSC03170 DSC03171 DSC03172 DSC03174 DSC03175 DSC03178 DSC03182

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Latest posts

Cittadino giapponese starter kit

Benvenuti in Giappone! Quello vero, non quello de

Corea – toccata e fuga

Corea. Corea? Già, che c'entra?! Partiamo dall'i

Il timido Monte Fuji

Hokkaido, fattoria di Saeki: arrivano molti avvent

Newsletter

Contact info

Per qualsiasi info, consiglio, proposta, o semplicemente per fare due chiacchiere, contattami!

e-mail: info@sognandoriente.it

Qui sotto trovi tutti i contatti

                 Freccia