Finirai per trovarla la via, se prima hai il coraggio di perderti... T. Terzani

Tbilisi. Mi dicono che ancora non sono in Asia.

 

Riparto dal Mar Nero, Trabzon.

E’ mattina, sono le 9 e già fa un caldo infernale, non oso pensare alla temperatura di oggi alle 16.

Esco, finalmente pronto, dall’hotel Mora, dopo aver dormito per 20€ in una camera che non li valeva troppo; e pensare che ne volevano 50.

Essendo paese musulmano in Turchia le trattative sono all’ordine del giorno, e fortunatamente sono abbastanza flessibili, anche perché per il primo prezzo fanno sempre la sparata…perciò ricordate, in Turchia trattate sempre sul prezzo: SEMPRE!!!

Metto gli ultimi 10l di benzina per percorrere i 200km che mi separano dal confine, poi in Georgia questa costerà la metà perciò…invece arrivato nei pressi del confine il GPS mi segnala che c’è una strada di montagna più breve per arrivare a Tbilisi…ok dai, sono altri 300km nell’interno della Turchia, mettiamo altri 15l; alla stazione di servizio chiedo conferma, dopo aver riempito il serbatoio, e mi sconsigliano assolutamente quella strada, brutta e lenta, perciò con l’amaro in bocca proseguo verso Batumi con un pieno dal valore dell’oro per percorrere gli ultimi 20km turchi.

Entro dalla dogana di Sarpi, dove mi chiedono da dove provenga: “Italia” rispondo “Ah Italiano belisimo!” risposta classica; fatti i brevi, ma dovuti controlli, “Welcome to Georgia!” e passo il confine.

Qua l’assicurazione non è obbligatoria, e dato che dovrò starci poco non la faccio, ben presto quasi me ne pento, perché il traffico è davvero pazzo, le macchine mi sfiorano in sorpasso, il clacson è usato alla stregua del cambio, gli spazi sulla strada diventano minimi quando tutti vogliono sorpassarti da qualunque parte…un inferno!

L’interno della Georgia è molto povero,  qui regna l’agricoltura, le case sono scarne, non intonacate e rivestite in lamiera o al peggio in Eternit.

GOPR1022 GOPR1017

L’insicurezza non mi permette di fermarmi molto a fare foto, perciò tiro dritto verso Tbilisi per strade dissestate e piene di buche; alle 18 circa arrivo presso un fast food dove scorgo un buon posto per dormire, chiedo se posso stare e ricevo l’ok con sollievo; mangio da loro, prendo un kababi con contorno di pane e salsa di pomodoro e di prugne acerbe.DSC09646 DSC09650 DSC09652Dopo cena vado a controllare il “posto letto”: avrei dovuto controllare prima, qui in terra è pieno di sassi, terra smossa e…pulci!

Niente preoccupazioni, sono stanco e riesco lo stesso ad addormentarmi.

DSC09654

Mancano 180km a Tbilisi, e dopo la classica manutenzione ordinaria alla catena riparto.

Dopo oltre 100km faccio il mio ordinario controllo sulle parti meccaniche da sopra la sella; guardo avanti, a destra, a sinistra, sul retro…ok…ANZI NO!!!

Riguardo il forcellone e…TERRORE…manca il dado del perno ruota!!

DSC09656

Gli ultimi km, nonostante la strada migliore, trascorrono con la paura di perdere il perno per strada e ritrovarmi in terra senza una ruota; fortunatamente questo non accade, e mi risollevo un po’ quando al benzinaio pago solo 2.15 Lari al litro per la benzina, praticamente neanche 89€cent!!

Arrivo a Tbilisi, spiego la situazione a Koka, il ragazzo che ho raggiunto tramite l’Ass.ne Rondine Cittadella della Pace, e lui subito si fa in quattro per recuperarmi i pezzi; tramite un amico in poco tempo abbiamo nuovamente rondella e bullone; stavolta metto anche la coppiglia.

Compro anche una catena su suo consiglio, in Russia costerebbe di più…mi prendo una DID O-Ring per 160 Lari (66€) nell’unica officina moto di Tbilisi, la cambierò, ad occhio, tra 2000km, dati gli scarsi 5mm di gioco rimasti per regolare la tensione della catena.

Tbilisi appare grigia, con ancora il fantasma post-sovietico che aleggia nell’aria, gli edifici sono i classici casermoni-dormitori, piuttosto malconci all’esterno.

DSC09659 DSC09660

Con Koka scopro la parte migliore di Tbilisi, e capisco che i soldi qui girano anche se nelle mani di pochi e sempre degli stessi, ovvero coloro che da oltre 20 anni, dopo il golpe, governano ancora.

La parte più interessante, che scopro con Koka e sua mamma, è il mercato: il mercato esercita sempre quel fascino folkloristico e caratteristico del paese da cui sprizza l’anima dei locali.

E’ gestito da azeri e armeni, che espongono i prodotti senza troppo badare a condizioni igieniche; i sapori però sono autentici, e come ripete spesso Koka, qui si percepisce ancora il vero aroma di frutta ed ortaggi: è vero.

DSC09666 DSC09684 DSC09681 DSC09677 DSC09675 DSC09672 DSC09670Scopro che lo zafferano in polvere qui costa 10€ al chilo…sapete quanto costa da noi?

In Europa costa in media 10…..mila euro al chilo!!! Apriamo un import-export?!?

Approfondirò la questione economica, ma adesso è l’ora di rimettere le mani sulla moto che necessita un’addrizzata alla borsa destra ed al telaietto; si fa con i mezzi che si hanno a disposizione, rivesto un martello con della carta assorbente per non rovinare la goffratura delle MyTech, e devo dire che ha funzionato.

Con qualche martellata ben assestata addrizzo la parete interna ed il bordo, ripristinando così la perfetta chiusura e di conseguenza l’impermeabilità.DSC09696

Poi, con una stecca di legno da pallet trovata in strada proseguo il lavoro, con una certa difficoltà, riportando alla giusta angolazione anche il telaietto che aveva subito una piegatura verso l’interno.DSC09694 DSC09695Il lavoro mi soddisfa, e così torno in casa…tempo pochi minuti e Giga, ragazzo Georgiano anche lui ex studente di Rondine, ci invita a mangiare dalla terrazza panoramica sopra alla funicolare, il piazzale Michelangelo de noattri!

La vista è spettacolare, ed il cibo ottimo.

Ma niente in confronto all’ospitalità ed al cuore che mettono i georgiani per farti sentire a casa…un popolo unico, davvero!

La cosa che più mi ha stupito è che, al contrario dell’Italia, dove si beve in compagnia ma senza apparente motivo, qui per ogni sorso si fa un brindisi e si dedica a qualcosa: alla famiglia, all’amicizia, al futuro, al mio viaggio…è un’atmosfera mai provata prima.

DSC09713 DSC09719DSC09717C’è tempo per un “selfie” con Koka, e poi facciamo l’ultimo giretto in centro.

DSC09721 DSC09733Ancora la vera Asia devo conquistarla mi dicono.

D’altronde qui è nata l’Europa, recenti studi vorrebbero confermare che la civiltà rinascimentale stessa ha avuto origine qui, e la razza caucasica, che è quella europea…è proprio nata in Georgia.

La Georgia è un popolo molto orgoglioso delle sue radici, ha grande storia e farà bene nel futuro.

Ma adesso vado a prendermi l’Asia, quella vera, cominciamo con la Russia europea, e poi scavalchiamo gli Urali.

Siberia, a presto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Latest posts

Cittadino giapponese starter kit

Benvenuti in Giappone! Quello vero, non quello de

Corea – toccata e fuga

Corea. Corea? Già, che c'entra?! Partiamo dall'i

Il timido Monte Fuji

Hokkaido, fattoria di Saeki: arrivano molti avvent

Newsletter

Contact info

Per qualsiasi info, consiglio, proposta, o semplicemente per fare due chiacchiere, contattami!

e-mail: info@sognandoriente.it

Qui sotto trovi tutti i contatti

                 Freccia