Finirai per trovarla la via, se prima hai il coraggio di perderti... T. Terzani

La fine dei Balcani. Ma non della pioggia.

Riparto da Mostar. Bello, il tempo è bello, finalmente, saluto con gioia Majda e Dragan che mi hanno ospitato in casa loro come fossi un figlio.

DSC08573

La Bosnia mi accompagna per pochi km fino al confine croato, dove ritrovo la brezza marina.

La brezza che però non avevo calcolato avrebbe portato di nuovo anche la pioggia, accidenti!

GOPR0576

Mi rassegno ad un’altra giornata di umido, indosso l’antipioggia fluo Moto-One e metto le membrane all’interno degli Stylmartin, via si riparte.

Evito di entrare in Dubrovnik, sconsigliato per la massa di turisti che ora vi si accalca, e così mi accontento di qualche scatto dall’alto della “Perla dell’Adriatico”.

DSC08581

Oggi è il giorno delle dogane, ben 5 attraversate: Bosnia->Croazia->Bosnia->Croazia->Montenegro->Albania.

E’ una immensa rottura di palle, scusate il termine, ma non immaginate quanto impacci togliersi l’antipioggia, aprire la tuta per prendere il borsetto dei documenti, cercare di capire cosa diavolo vogliano e cercare di non bagnare tutto…per poi rimettere tutto a posto…moltiplicatelo per 10 volte (controllo in ingresso ed in uscita per 5 volte fa 10)!!!!!

Proseguo, con il morale sempre più a terra per l’incessare della pioggia, che si somma alle sensazioni sconvolgenti del primo viaggio che mi porterà per mesi lontano da tutto e tutti.

Purtroppo la bellezza del Montenegro è impossibile da apprezzare, con un cielo così grigio e le insidie della strada bagnata, così non riesco a fermarmi neanche un attimo per fare una foto; penso comunque che è relativamente vicino a casa e posso tornarci quando voglio…

Dopo 450km circa, arrivo zuppo ad Elbasan, dopo un ingresso in Albania segnato dalla follia umana, cose da non credere!!!

Ho visto persone contromano camminare in corsia di sorpasso in autostrada, biciclette in autostrada, auto contromano in autostrada, persone che entravano in mezzo a strade nazionali per venderti animali o non so cosa altro, sporcizia riversa ovunque…peccato questo, perché le persone mi sono parse molto “umane”.

Passo anche da Tirana, dove ognuno fa i c***i suoi nel traffico, così anche io mi adatto, scalo marcia e faccio cantare il Fresco zigzagando tra le auto sotto la faccia gasata dei passanti, che forse una moto così non l’hanno mai vista, o quasi!

Gli amici di Ardit, amico di famiglia che abita in Italia, hanno predisposto il mio benvenuto, e mi accolgono al ristorante di Olsi dove mangio un Pilaf con una sorta di yogurt acido.

La sera faccio un giro per Elbasan con Arjan e poi torniamo al ristorante…si rimangia, e si beve…!

DSC08590 DSC08595

Ajet è il più in forma e col suo inglese fa da traduttore per tutti.

Albanesi…un popolo caldissimo e più che accogliente!

Saluto Arjan e tutta la compagnia, si riparte verso la Grecia, sperando nel bel tempo!

DSC08600 DSC08598

Il sud della Turchia è fantastico, verdissimo, con la terra a tratti rossa, che ho trovato spesso nei Balcani.

Qui faccio le ultime constatazioni sugli albanesi, ci sono alcune cose che hanno nel sangue:

– Pulire la macchina, sempre!!!

– Evitare le buche, anche andando nella corsia opposta e rischiando incidenti, oppure rallentando fino a percorrerle quasi in retro.

– Superare chiunque in qualunque situazione, e chi ha la macchina più grossa vince sempre, ed ha il rispetto delle piccole!

DSC08607 DSC08602

Arrivo in Grecia…bentornato in Europa, basta la carta di identità per l’ingresso, evvai!

Tiro fino a Salonicco, l’autostrada costa pochissimo ed è immersa nelle montagne del nord della Grecia, non è troppo caldo.

Arrivato a Salonicco devio verso il centro piuttosto che fare la circonvallazione e così incontro Yiannis, per caso, ad un semaforo.

Ci fermiamo all’ombra e mi dà alcune dritte su dove dormire, pregandomi di chiamarlo in caso di bisogno, che anche lui viaggia da solo e sa cosa significhi trovarsi in difficoltà in un paese straniero. Grazie Yiannis!

DSC08611

Così faccio qualche altro km verso Asprovalta e dalla strada mi si apre una finestra sul lago Apollonia…magnifico, mi fermo!

Ancora il cielo è sporcato da nuvole e la strada era un po’ bagnata, così per sicurezza mi metto sotto una tettoia, anche se non riparatissima.

DSC08618 DSC08634 DSC08638 DSC08644DSC08649

Pronti via, si arriva in Turchia stasera.

Mi piace la Grecia!

DSC08657 DSC08655

Tempo niente male, ma le nuvole sono sempre dietro l’angolo…che p***e eh!?

Aripiove, ed arrivo al confine bagnato mezzo.

Controlli infiniti al confine turco:

– 1 volta la carta verde

– 2 volte il libretto della moto

– 4 volte (quattro!) il passaporto

DSC08662

Ancora il tempo non si è ristabilito, così fatti i primi 250km in Turchia mi fermo in una località turistica di mare, bruttina…chiedo info e mi consigliano un albergo, l’Ennis Inn.

Era il più reclamizzato così ho pensato che volessero un sacco di soldi per dormire, e invece…era proprio così!
Più di 30€ per una notte, allora tiro il prezzo ed arriviamo a 20..non male.

Cucino in camera per risparmiare sulla cena…eh eh…poi una bella dormita ed il giorno dopo via verso Istanbul!

DSC08668

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Latest posts

Cittadino giapponese starter kit

Benvenuti in Giappone! Quello vero, non quello de

Corea – toccata e fuga

Corea. Corea? Già, che c'entra?! Partiamo dall'i

Il timido Monte Fuji

Hokkaido, fattoria di Saeki: arrivano molti avvent

Newsletter

Contact info

Per qualsiasi info, consiglio, proposta, o semplicemente per fare due chiacchiere, contattami!

e-mail: info@sognandoriente.it

Qui sotto trovi tutti i contatti

                 Freccia